Ulivi Monumentali tra Storia, Arte e Turismo

“Sulle tracce del Gattopardo”

 

Sul finire del 2013 avevo ormai ultimato il mio saggio Tomasi di Lampedusa e i luoghi del Gattopardo (Pacini editore, Pisa, giugno 2014). Lo studio, nato come percorso di un Dottorato in Storia, si proponeva, tra l’altro, di riportare alla luce il legame tra Tomasi e Ficarra, il piccolo borgo dei Nebrodi, dove lo scrittore era vissuto nell’estate del 1943. Tuttavia, mentre ricostruivo le flebili tracce che il paese conservava ancora di questo soggiorno e spesso sedimentate negli strati più profondi dell’immaginario collettivo; mentre mi preoccupavo di recuperare la Storia e i cunti di quel tempo ormai lontano, ero costretta a confrontarmi con quesiti nuovi, non circoscrivibili all’ambito di pertinenza delle mie ricerche. Nei fatti, il racconto del soggiorno ficarrese del grande scrittore e, soprattutto, dell’eco che avrebbe avuto nel suo capolavoro, era soltanto una delle innumerevoli, preziosissime storie dimenticate che il territorio racchiudeva dentro di sé. Veniva naturale interrogarsi sul rapporto che le giovani generazioni, fragili figli di un villaggio sempre più globale e sempre più angusto, hanno con i luoghi in cui crescono e sul senso che attribuiscono ai concetti di territorio, di appartenenza o di identità ; e, naturalmente, sul valore e sul significato che riconoscono alla parola cultura.

 Il passaggio successivo è stato obbligatorio. In sinergia con il dott. Piero Catena, un Agronomo da sempre impegnato nella valorizzazione e nel recupero delle identità rurali; con l’avallo del Comune di Ficarra (Me), detentore del coordinamento siciliano “Città dell’Olio” con la collaborazione dell’I.C. di Brolo (Me); e con il supporto dell’Ufficio Turistico Comunale, del giornalista Franco Tumeo e dell’esperto in comunicazione visiva Antonino T. Ricciardo, si è deciso di dare vita al progetto innovativo: Ulivi Monumentali tra Storia, Arte e Turismo - Sulle tracce del Gattopardo, rivolto inizialmente agli allievi della Scuola secondaria di primo grado di Ficarra.

Tale Progetto prevedeva di guidare i ragazzi -e i futuri visitatori- a “esplorare” il borgo e le sue contrade, da un punto di vista storico-letterario, naturalistico, turistico, gastronomico. La sfida era quella di proporre un nuovo itinerario educativo-didattico, che offrisse ai soggetti coinvolti occasioni di crescita personale, ne favorisse i processi di socializzazione e, al contempo, li sollecitasse a fruire del territorio in maniera attiva, responsabile, creativa. Basato sulla promozione turistica del borgo e in grado di valorizzare e tutelare sia il paesaggio olivicolo ficarrese, che la sua produzione olearia tipica, questo itinerario, doveva, inoltre, rilanciare la proposta d’inserimento degli Ulivi Monumentali ficarresi (di oltre 700 anni d’età) nella Tentative List UNESCO. La rilettura del Gattopardo, alla luce delle nuove ipotesi interpretative proposte dal mio testo su Tomasi, avrebbe fornito spunti e contesti per dare vita a un programma ricco di appuntamenti e attività.

Il sempre maggiore coinvolgimento della comunità locale, rappresentata dalle varie forme associative, ha permesso di approdare ben presto a una fase progettuale più ampia e articolata. Il 9 e il 10 agosto 2014, con l’aiuto di altri esperti si è dato seguito all’iniziativa: Omaggio a Giuseppe Tomasi di Lampedusa… nel cui ambito sono state inserite: una Lezione-passeggiata e un Quadretto recitativo tra gli Ulivi Monumentali; un Convegno; un Corteo storico in abiti d’epoca e “Il banchetto del Principe”, un percorso gastronomico con pietanze gattopardiane abbinate a oli di oliva di qualità, a cura dei ristoranti e delle pasticcerie locali. Dal mese di settembre, inoltre, su proposta del Comune di Ficarra, è stato inserito nel programma ANCIXEXPO anche il 5° Concorso Regionale “Expo Sicilia Città dell’Olio”, per la promozione degli oli siciliani di qualità. Il successo crescente dalle varie iniziative sino ad ora realizzate, l’ottimo riscontro dell’Omaggio e persino l’attesa per le proposte poste in cantiere in vista di Expo 2015, hanno confermato la validità del Progetto e la sua capacità di arricchire esponenzialmente l’offerta turistica di Ficarra, un territorio erede e custode di un ricco patrimonio storico, architettonico e olivicolo, facendo rivivere ai numerosi visitatori, atmosfere, episodi, luoghi, personaggi e antichi sapori di un luogo che ha ispirato lo scrittore nel concepire il suo celebre romanzo.

 Maria A. Ferraloro

 

l'Associazione

Associazione Sulle Tracce del Gattopardo

Via Scesa Spirito Santo, n° 5 - Ficarra (Me)

C.F. 94016270830